Aderire al compostaggio domestico

Aderire al compostaggio domestico

Il compostaggio domestico permette di ridurre la produzione dei rifiuti solidi urbani conferiti a impianti di recupero, attraverso lo smaltimento domestico.

I cittadini o le scuole possono chiedere in comodato d’uso gratuito il composter da 310 litri in polipropilene o polietilene di 1° qualità atossico, riciclato e riciclabile 100% di colore verde.

Chi aderisce all'iniziativa potrà chiedere all’ufficio tributi la riduzione della tassa rifiuti ai sensi del regolamento per l'applicazione della tassa sui rifiuti puntuale (TARIP).

Requisiti oggettivi

Per presentare la domanda, sono necessari i seguenti requisiti:

  • essere in regola con la posizione della Tariffa Rifiuti Puntuale;
  • poter collocare il composter lontano dai muri perimetrali della casa, a una distanza di almeno 6 metri da finestre o apertura di edifici limitrofi.

Approfondimenti

Compostaggio per i plessi scolastici

La domanda dovrà essere presentata dal Dirigente scolastico dell’Istituto.

Compostaggio per utenze domestiche o condomini sino a 4 appartamenti

La domanda dovrà essere presentata dal cittadino residente in abitazione singola, (o condominio sino a 4 appartamenti con giardino in comune), che dispone di un giardino con superficie non inferiore a 50 mq.

Compostaggio per condomini

Per i condomìni che dispongono di un giardino con superficie non inferiore a 200 mq la domanda potrà essere presentata dall'amministratore o sottoscritta da tutti i proprietari, in caso di condomini che non abbiano l'obbligo di amministratore.

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
Ultimo aggiornamento: 08/02/2024 11:26.56